rabitur vitae est in elit gravida viverra. Ut in elementum arcu. Praesent ligula quam, pulvinar sed aliquam ultrices, eleifend ac lorem. Sed urna eros, ultrices vitae mollis non, viverra at justo. Sed vehicula vestibulum vehicula. Aenean porttitor sem vel libero aliquam sollicitudin. Fusce id vehicula leo. Praesent ac nisl id enim suscipit malesuada sed sit amet est.

Serena Gamba

[title]
Nato/a a: Moncalieri
Residente a Torino - Torino
Email info@serenagamba.com
Età 34 anni
Iscritto dal 21/09/2015
Settori artistici
ARTI VISIVE

Biografia

Artista visiva, nel 2003 si diploma presso l’Istituto Europeo di Design di Torino indirizzo grafico. Toccata dalle lezioni della Prof.ssa Ave Appiano inizia una percorso che la vede collaborare con artisti, architetti, grafici e deisgner, finalizzato alla ricerca di nuovi campi applicativi del suo lavoro. Si trasferisce a Bologna nel 2006 dove, grazie all’insegnamento dell’architetto e grafico Prof. Gianni Bortolotti, approfondisce la fenomenologia della percezione della Scuola della Gestalt e parallalemente avvia un percorso finalizzato allo studio della composizione e della struttura nell’opera d’arte classica. Successivamente, nel 2009, inaugura un suo progetto che vede la grafica protagonista, partrcipando in questi anni a differenti mostre e fiere nazionali tra Milano, Venezia, Vicenza e Torino. Nel 2013 si trasferisce in Bruxelles e in questo periodo si concentra sul disegno a grafite e sulle tecniche classiche di stampa. Frequenta l’Ecole des Artes d’Ixelles seguendo il corso d’incisione. Attualmente vive e lavora a Torino portando avanti il suo lavoro come grafica e come artista, focalizzandosi principalmente sulla percezione dell’opera sia nello spazio ospite (museo, spazio espositivo, studio), che nello spazio in cui l’opera è accolta (tela - foglio di carta - supporto in genere), con particolare attenzione all’evoluzione che l’opera vive nello spazio, nel tempo fisico e concettuale, all’importanza dell’arte classica e al suo annullamento nella moltidudine di immagini presenti nell’epoca attuale. Fondamentale è per lei la percezione dell’immagine attraverso la negazione dell’immagine stessa. L’approfondimento-riscoperta dell’opera d’arte classica diviene il fine stesso del suo lavoro.