rabitur vitae est in elit gravida viverra. Ut in elementum arcu. Praesent ligula quam, pulvinar sed aliquam ultrices, eleifend ac lorem. Sed urna eros, ultrices vitae mollis non, viverra at justo. Sed vehicula vestibulum vehicula. Aenean porttitor sem vel libero aliquam sollicitudin. Fusce id vehicula leo. Praesent ac nisl id enim suscipit malesuada sed sit amet est.

Yu-Gin

Yu-Gin

"Occhi guardatela per l'ultima volta."

Gli amori non finiti sono come l'impiccato a cui è stata messa male la corda.
"You stand up in my mind again and every single thought i've made in my past is shading away."

Lascia la terra sotto i piedi.
Senza passato da ricordare.
Con un passato da non dimenticare.
All'alba beve il succo di due limoni per tenersi sveglio.
Con un pensiero fisso da evadere.
Il limone è aspro e i suoi sorrisi,quando ci sono,non possono che essere tirati.
Esce a correre.Non è più quello di una volta.In verità non lo è mai stato,ma recitava bene.
"Non sopravvivrai al mio amore.Amore mio,non mi sopravvivrai.Cos'è che ti fa paura della mia città di notte?della mia città senza luci?"
"Sei una stronza.Non riesco a dormire con la porta aperta.Non riesco a dormire con la finestra chiusa.Non riesco a dormire."
Ha un bisogno impellente di uno spazio fisico decisamente ristretto.Di notte stringe forte le coperte addosso quasi fino a tagliarsi,tiene le ginocchia strette al petto e la testa sotto il cuscino.
La sua voce risuona nella testa e pesa come piombo sulle spalle.
Piombo.Ora c'è solo più questa frenesia,un baccano assurdo.Ha fame ma ne ha talmente tanta che ormai ha la nausea e non riuscirebbe a buttar giù nemmeno una goccia d'acqua.Ha freddo.Ha il cuore che vuole scappare dal petto per seguire a ritmo la marcetta che le sue orecchie stanno sentendo e che,è proprio così,nessuno sta suonando,ma va bene perché lui ha l'impressione di sì.Si ricorda,ha letto che alla fine costa molta meno fatica essere felici che essere incazzati.Sì,ma ha anche letto che è molto meglio un pessimismo logico che un ottimismo ingenuo.
Un vento maledetto lo sposta ad ogni passo.Sono scomparse tutte le nuvole.Non gli resta che digrignare i denti.

Non mettere mai la mano sul fuoco,per nessuno.

1 Commento per Yu-Gin

16/01/2012 - 18:43
MlleC

Brano scritto da Giulia Ambrogio nel dicembre 2011