rabitur vitae est in elit gravida viverra. Ut in elementum arcu. Praesent ligula quam, pulvinar sed aliquam ultrices, eleifend ac lorem. Sed urna eros, ultrices vitae mollis non, viverra at justo. Sed vehicula vestibulum vehicula. Aenean porttitor sem vel libero aliquam sollicitudin. Fusce id vehicula leo. Praesent ac nisl id enim suscipit malesuada sed sit amet est.

Andrea Rinaudo

[title]
Residente a Dronero - Cuneo
Email andrea_rinaudo@libero.it
Età 30 anni
Iscritto dal 23/02/2017
Settori artistici
ARTI VISIVE
SCULTURA

Biografia

Nato a Savigliano, Italia (1989).

Tra gli scultori italiani di ultima generazione è uno dei più originali e interessati alle possibilità aperte dal linguaggio plastico in direzione astratta, non figurativa, ma profondamente organica e connaturata all’uomo e alla natura. La sua ricerca artistica, segnata da una precisa componente strutturale e sintattica, presenta i caratteri di un vero e proprio linguaggio, articolato e sviluppato sempre sul piano della processualità. L’attenzione di Rinaudo ricade sul processo attraverso cui l’opera si sviluppa nel tempo tramite l’avvicendamento di mutazioni fisiche o chimiche interne alla materia e che sottintendono però mutamenti più grandi e importanti, a volte addirittura di ordine cosmico. I suoi lavori, eleganti e persuasivi, sono fitti di allusioni alla dimensione “sensibile ed etica” della materia e per questa ragione la forma è interpretata come mai definitiva, in continuo movimento. Utilizzando materie prime organiche e inorganiche, gli inerti edili e la conoscenza profonda degli strumenti, le sculture luminose e dinamiche si costituiscono attraverso lo sviluppo di un elemento generativo primigenio - una cannula di policarbonato, una rondella in ferro, un tronco abbattuto da un fulmine. L’artista finisce così per definire una forma pura, di massima pulizia e rigorosità, memore di una eredità minimalista, allontanata però dalla freddezza degli esiti oggettuali ma alimentata ogni volta da una dimensione fisica che la riscalda su principi etici di sostenibilità ambientale e di recupero delle memorie territoriali. Decisivi sono stati gli anni di apprendimento compiuti dapprima all’Accademia di Belle Arti di Bologna e in seguito all’Albertina di Torino, durante i quali sperimenta punti di vista differenti, affronta prove con una sensazione di smarrimento tramutata poi in energia positiva e in una sensibilità controllata e a tratti acuta in grado di cogliere le diverse sfumature percettive del mondo, affinate presso l’atelier degli artisti Lucy + Jorge Orta a Parigi e con le collaborazioni nella realizzazione delle performance di Marcello Maloberti.

IVANA MULATERO, 2019